Una volta siglato il contratto con il nuovo operatore si dovrà attendere l’effettiva attivazione del servizio internet.

Secondo le stime dell’AGCOM il periodo di attivazione varia dagli 8 ai 12 giorni.

La legge n.40/2007 stabilisce il limite massimo per il trasferimento il quale deve avvenire entro 30 giorni evitando che il cliente possa avere dei disservizi.

In questo periodo il precedente operatore garantisce il servizio fino a quando non avviene l’effettivo passaggio con il nuovo operatore. Generalmente il servizio del primo viene disattivato solo poche ore prima dell’attivazione del nuovo gestore. Il periodo in assenza di internet sarà di poche ore.

Nei casi più complessi e qualora sorgano dei problemi, sia di tipo amministrativo che gestionale o tecnico (ipotesi comunque residuali) i tempi possono protrarsi oltre quanto stabilito. In questi casi il cliente ha diritto a dei risarcimenti per i disagi creati da queste attese non previste, rivalendosi sul nuovo operatore. Le cifre dei risarcimenti variano a seconda della linea e del tipo di richieste avanzate dai clienti e vanno moltiplicate per i giorni di mancata attivazione.
È stato utile questo articolo?
Annulla
Grazie!