Quando effettuiamo la stima del risparmio, confrontiamo le nuove offerte disponibili sul mercato con la tua tariffa nella bolletta che ci hai caricato.

Per poter verificare il risparmio con la bolletta del nuovo fornitore, ti consigliamo di:

attendere qualche mese ed una prima bolletta bimestrale del nuovo fornitore
confrontare la bolletta del nuovo fornitore con una dello stesso periodo del vecchio fornitore, quindi con consumi e periodo (durata in giorni) possibilmente identici, guardando alla voce "materia energia", che è quella che cambia da fornitore a fornitore.

E' molto importante provare a confrontare bollette simili, altrimenti la stima - solo leggendo gli importi in bolletta e senza un modello di calcolo - diventa difficile.

Il mondo delle bollette energetiche presenta molte complessità di calcolo e difficoltà nella comparabilità, è proprio per questo motivo che abbiamo voluto ideare questo servizio.

Infine ti ricordiamo, che nel caso in cui provenissi dal regime di maggior tutela il nostro modello di calcolo considera l'ultimo prezzo disponibile pubblicato dall'ARERA (variazione del prezzo con cadenza trimestrale), mentre nel caso in cui provenissi da tariffa al prezzo variabile (basata sul Prezzo Unico Nazionale PUN) la nostra stima si basa sul prezzo presente nella bolletta allegata.
È stato utile questo articolo?
Annulla
Grazie!